Samosely, i Residenti Illegali di Chernobyl
Dopo l'esplosione del reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl, circa 1500 tra uomini e donne si oppongono all'evacuazione imposta dalle autorità sovietiche: rivendicano il diritto di vivere e di morire nelle loro abitazioni. Sfidando il freddo, le radiazioni e la solitudine, contro tutto e tutti, a distanza di trent'anni alcuni di loro sono ancora qui. Sono i Samosely, i residenti illegali di Chernobyl.
Credits:
Produzione Jump Cut Media - Regista Fabrizio Bancale - Fotografia e Riprese Massimo Staiti - Da un'idea di Giancarlo Pagliara e Pavlina Dumaska.